Yerba Mate le proprietà, effetti benefici e preparazione del tè matè argentino

Yerba Mate, direttamente dal Sud America e negli ultimi anni presente anche in europa viene assunto come bevanda alternativa al caffè. Scopri quante proprietà ed effetti benefici può nascondersi dietro questa erba naturale.

Indice Articolo
La Pianta e le sue Origini
Proprietà ed effetti benefici
Come usare e prepare Yerba Mate
Controindicazioni e effetti collaterali
Yerba Mate provoca cancro?
Dove acquistarlo e prezzo
Curiosità sulla Yerba Mate

Yerba Mate, la pianta le origini e accenni storici

Yerba Mate, nome scientifico Ilex Paraguariensis, è un arbusto che può raggiungere i 20 m di altezza, originario del Sud America. La pianta sempreverde fu scoperta secoli fa dalle popolazioni indigene del Brasile, Paraguay e Argentina la quale veniva consumata per migliorare la qualità di salute, la longevità e vitalità dell’individuo.

La pianta si presenta come un arbusto non appena raggiunge l’altezza di 4-8 metri e presenta foglie abbastanza rigide e coriacee. In natura cresce vicino a corsi d’acqua e prospera a circa 500 metri dal livello del mare, nelle foreste pluviali in condizioni di alto tasso d’umidità con 1500 mm di precipitazioni annue.

In natura l’albero impiega circa 25 anni per svilupparsi completamente raggiungendo un’altezza massima di 15 metri. Bisogna attendere circa 3-4 anni di età affinché la pianta possa essere potata e preparata per un futuro raccolto. Infatti a circa 7 anni la pianta di Yerba Mate è pronta per il raccolto.

La pianta si presenta simile ad un albero di arancio, con un tronco che in età matura può raggiungere i 20-25 centimetri di diametro. Le sue foglie sono alternate e a forma ellittica, ovali, con il bordo leggermente seghettato.

La vendemmia viene effettuata ogni anno nel periodo che va da maggio a luglio, vengono raccolti foglie e gambi teneri. Yerba Mate fiorisce da ottobre a dicembre con fiori maschili e femminili. Si tratta di una pianta dioica, e sviluppa fiori maschili e femminili su piante separate.

Il suo frutto è a forma di bacca verde quando acerbo e diventa di colore rosso brillante appena diventa maturo. Cresce spontaneamente in Argentina, Cile, Perù, Brasile e in Paraguay.

Yerba Mate veniva usata come bevanda fin dai tempi degli antichi indiani. Nel XVI secolo lo spagnolo Juan de Solís, durante l’esplorazione del fiume La Plata del Sud America, venne a conoscenza di questa foglia di tè che produceva euforia e sollievo dalla fatica degli indigeni. Presto la pianta venne anche coltivata in Paraguay e yerba mate divenne nota come “il tè dei Gesuiti” o “Paraguay Tè” e infine in Europa chiamata come “l’oro verde degli Indios”.

La parola comune Yerba Mate veniva utilizzata da subito per descrivere la bevanda in quanto questa veniva servita in una calebassa, ovvero zucca vuota. Mate in spagnolo significa zucca, usata tradizionalmente per servire il tè mate. La zucca svuotata ed essiccata viene utilizzata come recipiente per servire il tè Argentino, considerato un rito quotidiano così come il caffè per gli italiani.

Proprietà ed effetti benefici della Yerba Mate

Gli antichi indigeni avevano sin da subito riconosciuto le sue proprietà energizzanti e la bevevano per combattere la stanchezza fisica. Yerba mate contiene ben 196 principi attivi, di questi 144 si trovano anche nel tè verde. Contiene 11 polifenoli, ovvero composti chimici che agiscono come potenti antiossidanti e considerati essenziali per prevenire l’insorgere del cancro. La foglia infatti agisce sul sistema immunitario rafforzandone le difese immunitarie dell’organismo e agisce come un potente antiossidante.

Oltre ai polifenoli, la yerba mate contiene anche saponine ovvero sostanze fitochimiche che possiedono proprietà anti-infiammatorie e utili per rafforzare la difesa del vostro corpo.

Non solo, un’infusione di Mate contiene una grande quantità di vitamine, minerali e composti aggiuntivi. Tra le proprietà della Yerba Mate troviamo le vitamine A, B1, B2, C, E, niacina (B3), B5 e B Complex. Inoltre ricca di minerali come calcio, ferro, selenio, potassio, magnesio e fosforo. Tra i composti aggiuntivi abbiamo: acidi grassi, flavonoli, polifenoli, antiossidanti e 15 aminoacidi.

1. Yerba Mate è un energizzante naturale.

Utilizzato principalmente per questo scopo dagli antenati indigeni come bevanda per alleviare la stanchezza fisica, Yerba Mate è un ottimo energizzante naturale.

Viene comunemente utilizzato come alternativa del caffè, ma non solo. Infatti rispetto agli altri stimolanti più comunemente utilizzati – caffè, caffè verde, tè, noce di cola, guaranà e cacao – l’assunzione della mate fornisce maggiore energia senza gli effetti collaterali del caffè.

La Yerba Mate viene spesso utilizzato anche dagli atleti per una maggiore prestazione fisica. Utile anche per i soggetti che soffrono maggiormente di stanchezza mentale.

2. Migliora la memoria, ottimo integratore per chi ha bisogno di maggiore concentrazione.

L’assunzione della bevanda permette di essere più motivati e produttivi. Oltre ad una quantità moderata di caffeina contenuta nella mate, sono presenti anche altre due composti: teobromina e teofillina.

Questi tre alcaloidi lavorano insieme per offrire un effetto stimolante lieve come il tè verde, e sono efficaci per chi è alla ricerca di un integratore che aiuti ad essere più produttivi, concentrati e per stimolare la creatività.

Tim Ferriss, il famoso autore americano con il best seller “4 ore alla settimana”, ha dichiarato in un post sul suo blog, che fa uso di Yerba Mate quando ha bisogno di massima concentrazione e produttività per la stesura dei suoi libri.

La Yerba Mate aiuta a perdere peso.

Ci sono alcune prove sull’efficacia del mate che può aiutare a perdere peso. Brucia i grassi, riduce l’appetito e aumenta il dispendio energetico. Ne migliora la sensibilità all’insulina.

A tal proposito l’erba mate non è da considerarsi una bevanda miracolosa in grado di far dimagrire, ma deve essere usata come integratore associato ad una corretta alimentazione e ad un programma di attività fisica.

Yerba Mate contribuisce alla crescita di ossa più forte anche in assenza di esercizio fisico.

Consigliata soprattutto alle donne nel periodo di menopausa, che sono più soggetti a rischio di osteoporosi, l’assunzione del matè contribuisce alla formazione della densità ossea del 10% in più rispetto alle donne che non la bevono.

La caffeina associata ad una vita sedentaria produce una notevole perdita di minerale osseo, il mate è un ottima alternativa al caffè. Produce densità ossea anche in assenza di esercizio fisico.

Infine l’assunzione del mate ha un effetto diuretico, consentendo al corpo di eliminare la ritenzione idrica e allievare i gonfiori intestinali.

Yerba Mate è un antibatterico e digestivo naturale.

Usata spesso in caso di trattamento di costipazione, diarrea e indigestione. La Yerba Mate è un naturale antibatterico contro l’Escherichia coli (E. coli), per prevenire la più comune causa di intossicazione alimentare.

La saponina contenuta nella yerbamate è in grado di distruggere i parassiti intestinali. Infine è anche utile per curare vesciche e calcoli renali.

Yerba Mate rafforza il sistema immunitario.

Grazie ai suoi composti e in particolar modo alle saponine presente in essa, la Yerba Mate è un ottimo integratore che rafforza il sistema immunitario, ne previene i rischi di malattie.

Utilizzato anche per le infiammazioni, grazie alle sue proprietà antinfiammatorie naturali è utile per dare sollievo a chi è sensibile alle allergie stagionali.

Yerba Mate fa bene al cuore.

Consigliato per chi ha problemi al cuore come insufficienza cardiaca, battito cardiaco irregolare e pressione bassa.

Grazie alla teobromina, sostanza naturale che si trova anche nel cacao, che agisce come cardiotonico e vasodilatatore consentendo il regolare flusso sanguigno.

Inoltre le sue proprietà antinfiammatorie e antiossidanti agiscono come protettori per il cuore e il sistema cardiovascolare.

Yerba Mate uccide le cellule tumorali.

Nonostante ci siano pareri discordanti per quanto riguardo l’efficacia del mate come antitumorale, l’estratto della foglia contiene composti come saponine, rutina, tannini, clorofilla, acido clorogenico e acido ursolico. Queste sono tutti composti antitumorali che uccidono le cellule tumorali.

Una ricerca in provetta ha dimostrato come l’estratto di Yerba Mate a contatto con le cellule tumorali del colon si siano autodistrutte.

Dose giornaliera e preparazione della Yerba Mate

La Yerba Mate in commercio si trova in pillole come integratore naturale, oppure come una comune bustina da tè ed infine in modo naturale essiccata e sminuzzata da inserire negli infusori come una comune tisana.

Le dosi consigliate per l’assunzione della mate può variare in base all’individuo che ne fa consumo. Si consiglia di leggere e attenersi alle indicazioni illustrate sulla confezione del prodotto acquistato, specie se il prodotto acquistato è in pillole.

Per quanto riguarda la mate naturale che si trova in erboristeria, sminuzzata con le foglie e rametti essiccate, si consiglia l’assunzione di non più di 2 o 3 tazze al giorno di liquido con l’infusore a temperatura ambiente.

La mate può anche essere aggiunta al latte, così come si fa con il tè. Oppure bevuta con un cucchiaino di miele sciolto nella bevanda. Per beneficiare delle sue naturali proprietà si consiglia l’assunzione del mate puro in acqua tiepida senza l’aggiunta di altre sostanze.

Controindicazioni ed effetti collaterali della Yerba Mate

Gli effetti collaterali che possono presentarsi con l’assunzione della Yerba Mate sono gli stessi che si presentano per tutte le bevande in cui è presente la caffeina.

Seppur la mate contiene un valore più basso di caffeina e ben diversa da quella presente nel caffè, è possibile che possa avere un effetto tale da provocare nervosismo, vertigini e insonnia. Si consiglia in questo caso di diminuire la dose giornaliera.

Se ne sconsiglia l’uso in individui allergici alla caffeina e in particolar modo a persone cardiopatiche o che soffrono di ipertensione.

L’uso eccessivo di Yerba Mate può provocare diarrea, in quanto in elevati dosi può essere lassativo. Se si riscontrano effetti sopra citati si consiglia di smettere di assumere la bevanda o le pillole di mate e confrontarsi con un medico.

Inoltre se si assumono altri farmaci oppure altri integratori si consiglia un consulto con il medico prima di assumere anche la mate.

Yerba Mate provoca cancro? Facciamo chiarezza!

Elvira De Meja, scienziata impegnata da anni nello studio sulle proprietà ed effetti della Yerba Mate, ha espresso il suo pensiero riguardo le cause di cancro associate alla bevanda:

“La Yerba mate è stata consumata per secoli, ma solo negli ultimi due decenni vengono svolti studi scientifici su di essa. Il crescente interesse in tutto il mondo sulla Yerba Mate è stato fondamentale per continuare la ricerca su questa tisana, la quale ha dimostrato straordinarie possibilità non solo come bevande di largo consumo, ma anche nel settore nutraceutico.

Per quanto riguarda la carcinogenesi, le informazioni più recenti suggeriscono che l’associazione tra il consumo del Mate e l’insorgenza di cancro non può essere dovuto alla materia prima in sé ma a contaminanti che possono essere presenti quando viene assunto la mate.

L’alta temperatura a cui la Mate tè è consumata può anche essere una delle cause principali. Pertanto, le tecnologie usate in fase post raccolta devono essere migliorate, specialmente il processo di essiccazione deve essere ottimizzato per eliminare completamente i contaminanti.

Inoltre, un buon controllo di qualità, tra cui test analitici più completi, saranno indispensabili per garantirne la completa sicurezza.”

Alcuni studi epidemiologici hanno segnalato che il consumo del mate forte in acqua molto calda può aumentare il rischio di cancro orale. Tale pericolo è da prendere in considerazione anche in casi di assunzione di bevande molto calde di qualsiasi altro genere. È consigliabile bere la mate a temperatura ambiente o leggermente calda.

Va inoltre notato che casi di cancro dovuti al mate si sono presentati in individui che facevano uso di alcol, vino e fumo.

Il Mate di per sé non è cancerogeno, ma se assunto molto caldo, può aumentare l’assorbimento delle sostanze cancerogene presenti nel fumo della sigaretta e altri contaminanti presenti nell’ambiente che sono agenti cancerogeni o promotori tumorali.

Yerba Mate Puro
Yerba Mate Puro

Dove acquistare e prezzo della yerba mate puro

La Yerba Mate in erboristeria si trova facilmente in forma di foglie sminuzzate essiccate, il prezzo in questo caso può variare dai 2,50 – 3,00 euro all’etto.

Inoltre è possibile trovarla in alcuni supermercati ben forniti si può trovare la mate in confezione contenente bustine come da tè. Inoltre si può facilmente trovare anche in botteghe equo e solidale.

Curiosità sulla Yerba Mate

La Yerba Mate è considerato nel paesi del Sud America una bevanda molto diffusa e spesso viene bevuta in compagnia, così come il caffè in Italia è considerato un rito quotidiano.

La Yerba Mate tradizionalmente va consumato in una zucca essiccata e bevuta tramite una cannuccia di alluminio chiamata bombilla. Il mate va bevuto in compagnia, dopo un sorso viene passato all’amico senza agitare l’infuso.

Come una vera e propria cerimonia, la Yerba Mate viene offerta in argentina con la stessa importanza con cui viene offerto un tè verde ad un giapponese ed un caffè ad un italiano (meglio ancora se napoletano). Non a caso in Argentina la mate viene consumata dal 92% delle famiglie.

Infografica Yerba Mate

Yerba Mate Infografica

Condividi sul tuo sito l’infografica, copia/incolla questo codice:

<a href="http://www.ilsalutista.com/yerba-mate"><img src="http://www.ilsalutista.com/yerba-mate-infografica.jpg" alt="Yerba Mate Infografica" /></a>
Fonte: <a href="http://www.ilsalutista.com/">www.ilsalutista.com</a>

Caffè Verde Ricco di Acido Clorogenico un Antiossidante Naturale, Proprietà ed Effetti Benefici

Caffè Verde, scopriamo insieme cosa ci riserva questo piccolo chicco, intatto e non tostato, così come natura l’ha fatto. Così piccolo ma ricco di proprietà che fanno bene alla nostra salute.

Indice Articolo
Caffè verde cos’è e come si presenta
Proprietà ed effetti benefici del caffè verde
Caffè verde per dimagrire
Come si consuma e prepara il caffè verde
Controindicazioni ed effetti collaterali
Caffè Verde dove comprarlo e prezzo

Caffè verde le sue origini

Il caffè verde negli ultimi anni sta riscontrando sempre più interesse da parte del pubblico. Vuoi perché protagonista su riviste e in tv per le sue proprietà dimagranti, spesso controversie e non del tutto fondante, vuoi per le sue proprietà e gli effetti benefici che può offrire il caffè nella sua variante verde.

Seppur il caffè è un rito quotidiano che vede milioni di italiani consumarlo più volte durante il giorno, non tutti sanno che questo caffè tostato di colore marrone è privo di sostanze benefiche. Infatti il caffè tostato viene cotto ad oltre 200 gradi e provoca la perdita di alcune sostanze ricche di proprietà che fanno bene al nostro corpo.

Eppure basterebbe assumere il caffè così come viene prodotto dalla natura, senza ulteriori processi di trattamento, e continuare a consumarlo tranquillamente con gusto e salute.

A differenza del comune caffè che siamo abituati a vedere nella sua colorazione marrone,
il caffè verde si presenta così come natura l’ha fatta, è un chicco allo stato crudo che non è passato per il processo di torrefazione. In questo caso il chicco resta con il suo colore naturale verde e porta con sé intatte tutte le sue proprietà.

Il processo di torrefazione provoca al seme la modifica di alcune proprietà. Una delle più importanti modifiche che subisce il chicco è la quantità della caffeina contenuta in esso. Nel caffè tostato la caffeina si presenta in maggiore quantità mentre nel caffè verde la caffeina non è libera ed è legata ad un potente antiossidante chiamato acido clorogenico.

Caffè Verde

L’Acido Clorogenico è un composto chimico presente abbondantemente nel caffè verde e nel suo estratto. Esso è una variante dell’acido caffeico, una forte carica antiossidante, utilissima per frenare i danni che i radicali liberi causano al nostro corpo. Nel chicco non trattato l’acido clorogenico resta inalterato e possiede tutte le proprietà antiossidanti a differenza del caffè tostato.

Il Green Coffee proviene da chicchi verdi delle piante di caffè Arabica e Robusti. Il caffè proveniente dalla pianta Arabica è la più pregiata in quanto presenta maggiore qualità e quantità più alte di Acido Clorogenico.

Proprietà ed effetti benefici del caffè verde

Le sue proprietà antiossidanti sono da attribuirsi alla sua componente presente in essa, nell’estratto del caffè verde: Acido Clorogenico. Si tratta di un composto chimico che se assunto favorisce la perdita del peso, combatte i radicali liberi in quanto ha proprietà antiossidanti, previene la degenerazione della vista e aiuta a proteggere gli occhi, accelera il funzionamento del metabolismo.

Il caffè verde funziona come un antiossidante naturale ricco di omega 3 ed omega 6, aiuta a ridurre il colesterolo e trigliceridi e regola la pressione.

Rinforza i tessuti connettivi ed è benefico per la pelle e capelli, riduce lo stress e i disturbi psichici.

Vediamo nel dettaglio quali sono i principali effetti benefici che il caffè verde offre al nostro organismo se viene regolarmente assunto:

Il caffè verde riduce la pressione sanguigna e il colesterolo

Il caffè verde abbassa la pressione sanguigna, un recente studio pubblicato su una rivista scientifica Hypertension Research ha dimostrato come i volontari di sesso maschile con ipertensione lieve dopo aver assunto l’estratto del caffè verde con acqua abbia riscontrato riduzioni significative della pressione.

Il caffè verde riduce sensibilmente la pressione sanguigna rispetto al caffè tostato a causa delle minori hydroxyhydroquinone, una sostanza prodotta nel processo di tostatura del caffè.

Il caffè verde controlla il livello di glicemia grazie a due sistemi: il primo è ottenuto mediante l’acido clorogenico contenuto in esso, il quale agisce direttamente sull’enzima del processo di regolazione della glicemia, il glucosio 6-fosfatasi, riducendo sensibilmente il processo di trasformazione del glicogeno in glucosio che ha luogo nel fegato; nel secondo processo il caffè verde agisce sulla cellula della mucosa intestinale, riducendo l’assorbimento degli zuccheri nell’intestino presentando una livello minore di glucosio nel sangue.

Il caffè verde ha azione antinfiammatoria e antiossidante

Nel caffè verde oltre all’acido clorogenico, sono presente in essa molecole antiossidanti come l’acido tannico e l’acido ferulico, questi agiscono direttamente sui radicali liberi che sono la causa principale dell’invecchiamento cellulare. Inoltre sono presenti anche i polifenoli, ovvero antiossidanti naturali in grado di avere effetti positivi a livello cardiovascolare e di arresto della formazione di tumori.

La proprietà antinfiammatoria ci è data grazie all’acido clorogenico che viene metabolizzato nell’intestino e trasformato in acido caffeico, una molecola antinfiammatoria molto potente.

Scopri le proprietà della Yerba Mate, effetti benefici e antiossidante naturale.

Il caffè verde e i suoi effetti dimagranti

Se ne è parlato spesso degli effetti dimagranti del caffè verde. E probabillmente se sei qui ad avere notizie sul caffè verde sarà forse perché ne hai sentito parlare e stai cercando un ottimo rimedio per perdere peso.

Purtroppo ci sono vari pareri discordanti sull’efficacia uso del caffè verde per dimagrire. C’è da dire prima di tutto che nessun alimento naturale preso da solo possa avere effetti dimagranti. Se vuoi perdere peso il caffè verde potrà essere per te un valido alleato, ma da solo non promette miracoli.

Il caffè verde brucia i grassi grazie alle sue funzioni di assorbimento dei lipidi. Alcune ricerche effettuate su persone obese hanno provato come l’assunzione di questa bevanda sia stato di aiuto per la perdita del peso.

Tuttavia è giusto ricordare che se si vuole perdere peso non bisogna affidarsi esclusivamente a questa bevanda. Il caffè verde sempre grazie alla sua componente chimica di cui è composta – l’acido clorogenico – ha un effetto benefico nell’organismo e riesce a bruciare i grassi in breve tempo e prevenire l’assimilazione di questi.

Il caffè verde viene associato alla dieta per il suo effetto dimagrante dopo l’apparizione in tv in America del Dr. Oz, che nel 2012 lo ha presentato come una bevanda che permette di perdere peso velocemente senza necessariamente fare attività fisica e seguire una dieta alimentare.

Tale pratica è stata prontamente sconsigliata da altri dottori che hanno subito criticato questo consiglio e messo in dubbio i reali poteri miracolosi della bevanda.

Tuttavia non esiste al mondo una bevanda che abbia effetti miracolosi sulla perdita del peso. Il caffè verde deve essere considerato come un integratore naturale da associare ad una sana alimentazione e ad un’attività fisica. Di certo le sue proprietà antiossidanti e antinfiammatorie possono prevenire la formazione di grasso corporeo ed esserci di supporto per la dieta dimagrante.

Possiamo concludere questo aspetto affermando che il caffè verde assunto da solo non è responsabile di nessun tipo di perdita di peso. Sulle opinioni del caffè verde anche Altroconsumo ha espresso la sua in questo articolo.

Modalità d’uso: Come preparare il Caffè Verde

Il caffè verde in commercio si trove in varie soluzioni. Può essere tranquillamente preparato in casa seguendo questi semplici accorgimenti.

Il caffè verde può essere acquistato in erboristeria sotto forma di chicco. Acquista i semi verdi, non tostati e della varietà Arabica, che è la più pregiata dei caffè e contiene in essa più acido clorogenico rispetto al tipo Robusti.

Con l’aiuto di un mortaio riduci in polvere i semi verdi, dunque portare l’acqua in recipiente ad una temperatura massima di 80°. Versare nell’acqua calda il caffè in polvere e lasciare riposare per qualche minuto in infusione. Filtrare la bevanda e consumarla.

In commercio è possibile anche trovarla in bustine come quelle da tè per tisane oppure in cialde come quelle che si usano per il caffè classico.

Caffè Verde

Il risultato non sarà identico al caffè come siamo abituati a prendere, va consumato come se fosse una tisana e il suo sapore si presenta completamente differente dal classico caffè che presenta quel gusto che viene dato proprio nel processo di tostatura.

Infine in alcune erboristerie potrete trovarla in capsule, in questo caso vengono commercializzate come integratore per perdere peso.

La miglior cosa da fare è acquistarlo in chicchi per esser certi che state assumendo solo caffè verde, non mescolato con altre sostante che si possono trovare nelle bustine solubili o in pillole.

Dose giornaliera consigliata: può essere consumato in massimo 3 tazze al giorno. Per la preparazione di una tazza si consiglia di prendere un cucchiaio di macinato di caffè verde da metterlo in infusione in acqua calda ad 80° per circa 10 minuti.

Si presenta con un sapore amaro che può essere più accentuato se viene lasciato per più tempo in infusione. Qualora lo si desidera potrà essere zuccherato a piacere.

Nella versione in bustine da tè, che si trova facilmente in erboristeria e negozi specializzati bio, la dose giornaliera consigliata è di due tazze pari a due bustine. Da assumere preferibilmente lontano dai pasti, porre una bustina all’interno di una tazza con acqua bollente e lasciare in infusione per 5/7 minuti. Prima di togliere la bustina si consiglia di schiacciarla con un cucchiaino. Infine zuccherare a piacere.

Tenere lontano dai bambini al di sotto dei 3 anni.

Controindicazioni ed effetti collaterali

Il caffè verde non presenta effetti collaterali e controindicazioni particolari, tuttavia è giusto considerare che questa bevanda contiene caffeina e pertanto potrà causare effetti indesiderati simili al caffè classico.

Se ne sconsiglia l’assunzione di caffè verde nelle donne in gravidanza e nei bambini. Inoltre porre particolare attenzione a tutti quei prodotti che vengono venduti in pillole o in altre soluzioni che non siano chicchi di caffè.

Particolare attenzione ai prodotti che si vendono online che vengono venduti come integratori per perdere peso, in questo caso il caffè verde non viene venduto in assoluto ma miscelato con altri composti che potrebbero essere nocivi per il vostro sistema. Si consiglia sempre un attenta lettura della posologia di questi prodotti.

Diffidati dall’acquisto di integratori di caffè verde su siti internet non certificati e che hanno come unico obiettivo la vendita del prodotto promettendo perdita di peso miracolosa.

Caffè Verde dove comprarlo e prezzo

Il caffè verde si trova in erboristeria in capsule oppure in bustine da tè, spesso associato anche con altre erbe sotto forma di tisana, e infine in chicchi di caffè da macinare con l’aiuto di un mortaio.

Il prezzo del caffè verde può variare a seconda della scelta del tipo di prodotto, se acquistato in chicchi il prezzo può aggirarsi intorno ai 15/20 euro al Kg. Nelle versioni in bustina da tè il prezzo gira intorno ai 5 euro in confezione da 20 infusi.